Home Blog White Paper Tra digitalizzazione e Capitale Umano: come cambiano le funzioni aziendali

Tra digitalizzazione e Capitale Umano: come cambiano le funzioni aziendali

Stare al passo con la trasformazione digitale non è facile, ma ora più che mai il miglioramento dell’efficienza è legato alla digitalizzazione dei processi e al Capitale Umano che un’azienda integra nel proprio business.

In un contesto economico e sociale in continuo movimento, le aziende non possono stare ferme a guardare. Devono abbracciare la rivoluzione digitale studiando nuovi metodi, trovando idee più attuali, pianificando iniziative più digital per non perdere terreno e, tantomeno, ricavi!
Come vivono questa trasformazione digitale le funzioni aziendali? Ne sono nate di nuove? Come si stanno riorganizzando? In questo articolo trovi diverse risposte ma ti invitiamo ad approfondire l’argomento sul nostro white paper!

Organizzazione aziendale e il ruolo del Capitale Umano


Migliorare l’efficienza aziendale, relazione con i clienti, innovazione di prodotti e servizi e aumentare i ricavi.Questo è l’obiettivo finale delle aziende che si trovano a fare i conti con la rivoluzione digitale che ha modificato le modalità di gestione dei processi produttivi così come le funzioni collegate all’operatività aziendale.

Chi, in questo scenario, gioca un ruolo fondamentale è il Capitale Umano dell’azienda, ossia le persone che vi lavorano con tutto il loro bagaglio di esperienze e competenze.
In questo senso, l’Italia resta leggermente indietro rispetto agli altri Paesi Europei: il nostro livello di competenze digitali di base e avanzate è al di sotto della media UE (il 44 % di individui tra i 16-74 anni possiede competenze digitali di base rispetto al 57% nell’UE).*

E, proprio a proposito di Capitale Umano, se è vero che la trasformazione digitale apre nuove opportunità, è bene anche dire che talvolta è fonte di preoccupazione, soprattutto quando si parla del numero di posti di lavoro cancellati a causa della digitalizzazione.Numeri dietro ai quali troviamo storie di professionisti, individui, famiglie.
Il tema è fra i più delicati: ad oggi l’obiettivo verso cui gli sforzi dovrebbero essere indirizzati, è la generazione di un delta positivo tra mansioni cancellate e create, e di un rapporto tra umano e tecnologia non principalmente competitivo.


*(Fonte: “DESI – Indice di digitalizzazione dell’economia e della società – 2019”).

Hr Tech: come gestire la trasformazione del lavoro tra ricerca e acquisizione

La funzione aziendale che gestisce in modo innovativo e digitale il capitale umano è oggi diventata un vero e proprio verticale settoriale.
In generale, la trasformazione digitale ha cambiato le modalità di lavoro interne alle aziende, portandole ad essere più trasversali e collaborative rispetto al passato.Una vera trasformazione del lavoro quindi, che invita necessariamente a cercare, acquisire e gestire nuove “risorse”.
HR Tech è ora l’espressione usata per indicare le soluzioni digitali più innovative che hanno a che fare con le risorse umane. In “Tecnologia e Risorse Umane” (edito da Dario Flaccovio, gennaio 2020), si distinguono tre diversi macro-settori nell’HR tech:

  • Talent acquisition: l’insieme di sistemi e processi che consentono alle aziende di portare a termine l’assunzione di nuovi dipendenti.
  • Talent management: i sistemi e i processi che regolano la formazione, la gestione e l’aggiornamento delle competenze.
  • Human capital management: i sistemi e i processi relativi alla gestione continuativa delle risorse umane in termini di erogazione di stipendi, ferie, permessi, benefit, ecc.

Il mondo dell’HR tech è anche sempre più supportato dalla finanza e dal venture capital (così dice il Global HR Tech Venture Capital Review) e, oggi, le società Hr Tech sono aziende tecnologiche che offrono soluzioni software o hardware proprietarie per la gestione della funzione Risorse Umane (Digital HR).


Per approfondire dati e aree di applicazione dell’HR Tech, vi rimandiamo qui!

Un fenomeno in crescita: lo Smart working 

“Una nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti di lavoro a fronte di una maggiore responsabilizzazione dei risultati”.

Così viene definito oggi lo smart working, una modalità di lavoro sempre più diffusa sia nelle aziende – 58% grandi imprese italiane, 12% le PMI –  che nella PA con il 16% di pubbliche amministrazioni che presenta progetti strutturati di lavoro agile. 
Numeri ancora inferiori ad altri Paesi europei (nel white paper trovi tutti i dati) ma numeri che, con l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, hanno avuto una accelerata sostanziale.


La crescita si confermerà anche nei prossimi mesi?

CO-WORKING: il modo social di vivere il lavoro

È una nuova modalità con cui parte della collettività svolge l’attività lavorativa.
Grazie a tecnologia, digitalizzazione e industria 4.0 si sono sviluppati modi di pensare, e vivere, gli ambienti lavorativi che fino a qualche anno fa non avremmo immaginato.
Gli spazi di co-working non sono solo spazi fisici in cui i professionisti scelgono di lavorare per risparmiare sui costi, ma è un nuovo approccio: un modo più social e flessibile di intendere l’ambiente lavorativo e il lavoro stesso.
Molte strutture infatti, sono open space proprio per favorire la condivisione di strumenti e, perché no, lo scambio di idee.Ad oggi si contano più di 700 spazi di co-working in Italia, rispetto ai 10 nel 2010!

Service Design, User Experience e Agile Transformation

Se sei qui, quasi sicuramente hai già sentito parlare di Service Designer.È la funzione che aiuta le aziende a creare nuovi servizi e migliorare quelli esistenti grazie ad un approccio interattivo tra cliente e attività aziendale, che mira a progettare, testare ed affinare i concetti prima di implementarli, riducendo costi e tempi di sviluppo. 

Ma conosci tutte le mansioni del Service Designer?

– pianifica e organizza il personale;

– pianifica le strategie comunicative di un servizio;

– studia comportamenti, azioni, bisogni e motivazioni del cliente;

– progetta l’esperienza collettiva di un servizio;

– ricostruisce il customer journey;

– individua e migliora i touchpoints (offline e online) che il cliente incontra.

Come il Service Design, la User Experience(UX)si basa sul concetto di interazione tra utente e azienda, ma include anche l’analisi e la gestione di tutte le percezioni e le reazioni che derivano dall’uso o dall’aspettativa di utilizzo di un prodotto, servizio o sistema.

Le mansioni di un professionista della UX:

– ricavano i bisogni degli utenti da sondaggi e interviste;

 – progettano una soluzione a un problema;

– progettano le funzioni di un prodotto sulla base raccolti;

– costruiscono un prototipo e osservano come gli utenti interagiscono con esso. 

Infine, ti abbiamo accennato la“Agile Transformation”: oggi “Agile” è un termine che indica una modello di organizzazione e pianificazione del lavoro che rende funzionale lo svolgimento delle proprie funzioni in team. Si tratta quindi di un modo di gestire il percorso di trasformazione digitale di una azienda a livello complessivo che, si spera, dovrebbe aiutarla a crescere proprio in questo senso. 


Affascinante, no? Ne abbiamo parlato in maniera approfondita anche in questo articolo qui.

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.
  • Desidero iscrivermi alla Newsletter ed acconsento al trattamento dei dati personali per le finalità di marketing e promozionali come indicato nell'informativa privacy.